FTSEMIB: Abbiamo trascorso tutto il mese di gennaio in laterale, poi improvvisamente il 31 di gennaio qualcosa si è mosso e nella settimana appena chiusa il Ftsemib ha rotto la resistenza poco oltre i 31mila punti confermando la rottura in chiusura. Un bel segnale di forza in un mese tipicamente insidioso per gli investimenti azionari. Il Ftsemib fa meglio del Dax, questo non è più una sorpresa, ma continuiamo a sottolinearlo dallo scorso anno perché ritengo che questa situazione possa proseguire. Il primo supporto è in area 31mila, il secondo a 29680 punti. Il comparto bancario è diventato più selettivo, l’indice dei bancari europei perde forza, non così alcuni titoli italiani come UniCredit e Banco BPM che reggono e adirittura ripartono.

LEGGI QUI IL report 22 gennaio COMPLETO