La fase 1 è stata rispettata. Lo scorso report avevamo scritto: “Siamo arrivati sui supporti, mi attendo un pullback ma se a questo seguisse una rottura confermata in chiusura allora avremmo poche chanches di assistere ad un buon luglio e molte di più di vedere un movimento simile a quello dell’agosto 2015″. Si apre quindi un’altra settimana importante. Le resistenze reggeranno mantenendoci in laterale? Meglio mantenere un sano scetticismo finché staremo su e giù tra i livelli indicati.

Guardiamo nel dettaglio la situazione.

FTSEMIB: Giudizio BULLISH da dicembre. I supporti sia statici che dinamici reggono. Sarà altrettanto per le resistenze? Per rilanciare il toro 21150 e 21700 sono i due livelli da superare.

DAX30: Anche il Dax si salva in corner mantenendo intatto il trend BULLISH ma a differenza del Ftsemib si stacca  molto meno dal supporto che scricchiola ancora. Attenzione ai minimi di due settimane fa…

S&P500: Siamo in una situazione intermedia tra Dax e Ftsemib. 2419 regge ma, come scritto la settimana scorsa, l’ipotesi di una fase distributiva rimane valida anche qui. BULLISH.

IBEX: L’Ibex è stato il primo a partire in un uptrend a fine 2016, ora è il primo a mollare sui supporti settimanali, o si riprende subito  lunedì oppure 10000 diventa il primo target ribassista.

BTP e BUND: Il BTP cede sul livello a 133 € e non è per ora un buon segnale. Vedremo se riuscirà a dare un colpo di coda questa settimana chiudendo sopra a questo supporto, in caso contrario il target ribassista diventerà 130. Il Bund è pure appeso alla tenuta di 160 €, su un eventuale cedimento potrebbero essere dolori di pancia…

GOLD: Visto sul mensile il trend di lungo è ancora ribassista e siamo troppo distanti dal livello di inversione a 1400 dollari.

CRUDE OIL: La settimana scorsa abbiamo scritto: “E’ arrivato il rimbalzo sui 43 $ ma a breve le resistenze dovrebbero rimandarci giù“. E’ andata proprio così. Attenzione a 43 dollari che dovrebbe invece farci rimbalzare. 

EURO DOLLARO: Il consolidamento sopra 1,14 non fa che alimentare l’ipotesi che si possa, dopo un po’ di laterale, arrivare oltre 1,16.

DISCLAIMER: I risultati passati non costituiscono alcuna garanzia di ottenerne di simili in futuro. Chi investe o esercita  una attività  speculativa lo fa sotto la propria responsabilità , conscio dei rischi intrinsechi e delle perdite che una tale operatività  può generare.

Phase 1 has been respected.

In the last report we wrote: “We’ve reached the support, I’m looking for a pullback but if after this will follow a break confirmed in closing then we would have a few chanches to attend a good July and much more to see a movement similar to that of August 2015 “. So another important week is opening. Are the resistances going to hold on in congestion? It is better to maintain a healthy skepticism as long as we go up and down between the levels indicated.
We look at the situation in detail.

FTSEMIB: Judgment BULLISH since December. Both static and dynamic supports hold. Will it be the same for resistances? To raise the bull 21150 and 21700 are the two levels to overcome.

DAX30: The Dax also saves in corner while maintaining the BULLISH trend intact but unlike the Ftsemib, it clears much less from the support that cracks again. Beware of the minimum of two weeks ago …

S&P500: We are in an intermediate situation between Dax and Ftsemib. 2419 holds but, as written last week, the hypothesis of a distribution phase remains valid here as well. BULLISH.

IBEX: The Ibex was the first to start an uptrend at the end of 2016, now it’s the first to release on weekly support, or it resumes on Monday or 10000 becomes the first bearish target.

BTP & BUND: The BTP breaks down to 133 and it isn’t a good signal. We will see if it will be able to give a queue this week by closing on this support, otherwise the bearish target will become 130. The Bund is also hanging on the support at 160 €, under 159 € it could be stomach aches ..

GOLD: Viewed on a monthly basis, the long trend is still bearish and we are too far from the reversal level at 1400 dollars.

CRUDE OIL: Last week we wrote: “The rebound came to $ 43 but soon the resistances should push us down.” That’s exactly what happened. Beware of $ 43 which should instead bounce us. 

EUR USD: Consolidation above 1.14 strengthens the hypothesis that after a little lateral it could reach more than 1.16.

DISCLAIMER: The past results are no guarantee that they will get similar in the future. Those who invest or carry out speculative activity do so under their own responsibility, aware of the intrinsic risks and losses that such an operation can generate.