banner-malvertin_anim

borsaSe la borsa italiana fosse una schedina si potrebbe dire che questa settimana si è chiusa con una X. Nulla di fatto per il nostro indice che chiude invariato mentre le altre borse europee europee hanno fatto meglio, in particolare FTSE100 e Dax hanno sfiorato l’1% di guadagno. Questo non sorprende troppo. Gli stress test sono vicini, le resistenze pure e comprare prima di una resistenza con molti giorni di anticipo è pericoloso. Siamo comunque su livelli decisivi. La settimana entrante sarà molto calda…

Segnaliamo inoltre la forza della Cina che sta rompendo le resistenze (immagine di copertina).

Ftsemib

Ftsemib

FTSEMIB: La corsa settimana avevamo scritto: Ora ci approssimiamo alla resistenza a 16900 che è un livello decisivo. Se venisse abbattuta il giudizio sarebbe NEUTRAL fino alla resistenza successiva a 18400, e solo lì si potrebbe avere un rovesciamento della tendenza dominante”. L’importanza di questo livello l’abbiamo vista; più volte l’area 16900/17000 è stata presa d’assalto ma ha retto bene, segno che è un bel spartiacque. Lunedì parte una nuova sfida. L’impressione è che sia un’area di distribuzione, per cui anticipare entrando long prima della rottura è un bel rischio… 

Dax

Dax

DAX30: Il Dax è sempre più vicino alla resistenza a 10250 e sembrerebbe ben intenzionato ad andare oltre. Rimane valido quanto scritto il 18 luglio: “Solo oltre questa barriera avremmo segnali di ottimismo con una proiezione sugli 11000 punti. Il giudizio, nell’attesa di vedere se i tempi sono maturi per questo salto, rimane  NEUTRAL”.

S&P500

S&P500

S&P500: I mercati americani continuano la loro progressione ma l’ultima candela settimanale sembra preannunciare uno storno. Il Nasdaq è bene intonato. Per tutti in ogni caso il trend rimane BULLISH.

IBEX: L’Ibex è pure a contatto con la resistenza disegnata da tempo in figura. Il superamento in chiusura settimanale di questo livello attirerebbe compratori. Occhi bene aperti...

BTP e BUND: Dalla scorsa settimana: “una discesa di almeno una figura dovrebbe portare ad occasioni di acquisto”. La discesa c’è stata i supporti dovrebbero tenere. Il grafico mensile del BTP dice che tolto l’ultimo mese siamo laterali da 9 mesi…

CRUDE OIL: Tutto invariato. Dal 18 luglio: “Il petrolio trova supporto a 43,72 dollari e le probabilità sarebbero a favore di un recupero verso i 50 dollari con un andamento che rimarrebbe laterale all’interno dei due estremi citati. Negativo il cedimento di 43,72 $. NEUTRAL”.

EURO DOLLARO: Dalla scorsa settimana: “Sempre NEUTRAL l’euro anche se la mia aspettativa sarebbe per una discesa verso la parità, ma finché reggerà il supporto a 1,1036 è presto per parlarne”. Ci siamo, anche qui antenne diritte!!!

GOLD: Per ora l’aspettativa di tenuta dei 1300 dollari è confermata. Giudizio BULLISH invariato.

Grafici: Visualtrader, Marketwatch Fida

DISCLAIMER: Le informazioni fornite e le opinioni contenute nel presente documento, sono supportate da un software su parametri statistici oggettivi e da strumenti di analisi tecnica noti, tuttavia nessuna dichiarazione o garanzia, espressa o implicita, è fornita dall’Autore relativamente alla completezza e accuratezza delle stesse. Lo scopo del presente documento è esclusivamente informativo. In particolare, nulla del presente documento deve essere inteso come una raccomandazione o un suggerimento, implicito o esplicito, rispetto a strategie d’investimento o a strumenti finanziari.

E’ uscito “I Segreti dei trading system” (con 20 formule Metatrader, Multicharts e Visual Trader). 

copertina libro