Credo che valga la pena riprendere da dove ci eravamo lasciati il 10 agosto con le parole del report di quel giorno: “Penso che nel medio l’Italia farà ancora meglio di Dax e Usa ma meglio rimanere con portafogli leggeri sotto le feste e attendere. Una improvvisa discesa verso i 22000 punti non mi stupirebbe troppo.”

Nessuno di chi legge i miei report dovrebbe quindi essere stato colto di sorpresa dal crollo degli indici mondiali (perché di questo si tratta).

Di questo scenario avevamo scritto in precedenza anche ad esempio QUI.

Nel momento in cui scriviamo Usa e Asia perdono percentuali quasi da capogiro (6.50 del 24 agosto). La contrazione di volatilità, esattamente come nei due casi citati (2007 e 2011) ha dato i suoi frutti. Mi sarei aspettato qualche giorno più tardi in verità per questo crollo ma la sfera di cristallo per queste cose ancora non è stata inventata…

FTSEMIB

FTSEMIB

FTSEMIBIl FTSEMIB è sceso sotto al supporto indicato da diverso tempo sul grafico, a 21820. di poco, ma è un brutto segno. Visto l’andamento in Asia quasi certamente saranno abbattuti i supporti dinamici. I segnali diventano quindi anche sul settimanale BEARISH.

 

Dax30

Dax30

DAX30Il 10 agosto scrivevamo ” Giudizio NEUTRAL che diventerebbe BEARISH sotto 10750″. Siamo a 10100 e al 100% almeno intraday scenderemo anche sotto questo supporto, per cui il giudizio BEARISH è confermatissimo.

 

S&P

S&P

S&P500: 10 agosto: “Una forte correzione dopo ferragosto non stupirebbe più di tanto. Antenne diritte”. Ora possiamo aggiungere: rottura congestione al ribasso, contemporanea rottura di trendline e media mobile a 200. Falso segnale? Lo vedremo. La disciplina impone di vedere le cose come sono tecnicamente: BEARISH.

Euro dollaro

Euro dollaro

EURO DOLLARO: Siamo ancora laterali ma è stata superata la trendline al ribasso confermata dalla rottura dell’Ematrend settimanale. Anche se la cosa può creare stupore il segnale sarebbe BULLISH.

 

BUND e BTP: Le resistenze si fanno sentire e viste le incertezze dell’azionario qualcuno potrebbe approfittare per prendere profitto anche sull’obbligazionario. In attesa di nuove opportunità ci spostiamo da BULLISH a NEUTRAL.